lunedì 27 luglio 2015

Indelebile

Sono le quattro di mattina, una luce polverosa filtra da sotto la porta.

Cecilia apre lo sportello della lavatrice, prende il vestito bianco ancora pesante d'acqua. Non ha il minimo dubbio, dal fondo del cervello sa con certezza incrollabile che la macchia é ancora lì, come se non avesse nemmeno cercato di cancellarla.

Un segno rosso scuro dai contorni sfumati, una pennellata di acquerello su una tela candida. Uno squarcio sanguinante nel territorio dei sogni interrotti.

È passata solo qualche ora. Oppure no. Minuti fluidi sono colati fuori dalla notte verso un'alba gravida di dubbi.

venerdì 3 luglio 2015

Una futile falena


Disegno e foto di valentinanonseitu
Era bella, bella da togliere il fiato, bella da farmi ingrossare i pantaloni con uno sguardo e da farmi sentire sempre come un ragazzino arrapato.

Dio mio però se si vestiva male! Sceglieva a caso le cose da mettersi, si svegliava al mattino, apriva l’armadio, allungava la mano e, ancora con lo sguardo appannato, frugava tra i pochi capi che componevano il suo guardaroba così, senza logica o criterio.


Un giorno gielo chiesi:
- Ma non hai qualcosa di più appropriato da metterti?